Vaccini: come sopravvivere con le tecniche energetiche

Oggi vorrei parlarvi di un problema di attualità opprimente: i vaccini.
Premesso che non voglio entrare nello specifico della tematica e prendere una posizione, in quanto non sono medico e nemmeno direttamente interessato, non voglio pormi ne come complottista, né a favore, ma voglio portare un mio piccolo contributo, nel tentativo di portare un po’ di pace. 
Si sta creando molta confusione e paura attorno a questo argomento… Io credo che, come è più o meno avvenuto fino ad oggi, ci possa essere lo spazio di libertà di pensiero e decisione e che, quindi, si debba lasciare la libertà alle persone di scegliere e diventare responsabili della propria vita. Ma questo da una parte fa paura, mentre dall’altra diventa una perdita di potere e controllo inaccettabile. Io in questi mesi ne ho sentite tante, ma mi sono sempre posto una sola domanda: se io vaccino mio figlio (ipotetico, non ho figli) perché devo preoccuparmi di te che non lo fai? Cioè, un figlio vaccinato è protetto (a questo serve il vaccino), per cui che paura ho? Se si ammalerà si ammalerà quello non vaccinato, mica il mio! Questo quindi dovrebbe rassicurarmi e permettermi di accettare la diversità. In realtà ciò non avviene e si creano due fazioni, due poli opposti, che lottano tra loro per sottomettere l’altro a colpi di mannaia. Non è così che funziona la vita! Gli opposti devono imparare a coesistere e ad accettarsi; possibile che sia così difficile da capire per l’essere umano? Oh… sempre nello stesso tranello cadiamo! 
E guarda caso ciò che si vuole trasmettere e diffondere in questo modo è la paura e la dimostrazione che non siamo liberi: è più facile sottomettere un animale nel caos, che vive nella paura, perché non è lucido e di conseguenza responsabile e cosciente di sé. 

Detto ciò, vorrei condividere con voi un insegnamento che mi è stato passato questo weekend. Tale insegnamento riguarda l’uso delle energie sottili per far fronte a questo problema. Era una cosa a cui non avevo pensato, e forse come me tanti altri, ma che è semplice quanto sensata. Sappiamo che ogni medicina allopatica, proprio per la sua natura chimica, può avere diversi effetti collaterali, pur essendo efficace ed importante rispetto alla problematica per cui è stata studiata. Tali effetti a volte sono molto gravi, invalidanti e la medicina ne è consapevole tanto da affermarlo anche nei bugiardini. Viene considerato un rischio statisticamente accettabile di fronte alla potenzialità del bene che può produrre. Vi faccio un esempio eclatante: la chemio o la radioterapia sono cure devastanti per l’organismo, ma utili per salvare la vita. Ora non voglio discutere sul fatto che ci siano altri modi meno invasivi per affrontare le cose, vi chiedo di ipotizzare che possano esistere solo questi. Ecco però che di fronte a tali effetti collaterali a livello naturale ed energetico possiamo comunque fare qualcosa. Possiamo rafforzare il terreno (ovvero i sistemi fisiologici) della persona. Ricordate sempre che l’energia segue il pensiero e le potenzialità della nostra mente sono infinite! 
A livello energetico, tecniche come il Reiki (solo per dirne una molto conosciuta, ma non l’unica) ci insegnano a indirizzare un flusso di energia positiva anche per purificare ed energizzare tutto ciò che ci circonda: per esempio il cibo che mangiamo, ma anche le medicine.
Ciò significa che se decidiamo di vaccinare i nostri figli, ma abbiamo paura di eventuali danni o effetti collaterali, non siamo proprio allo sbando. Possiamo usare tali tecniche per preparare il bambino, proteggerlo e rafforzarlo prima dell’inoculo e allo stesso tempo per trasmutare a livello energetico il farmaco, in modo da diminuire o eliminare il più possibile gli effetti collaterali.
Anche l’atteggiamento con cui si affronta l’evento è importante, se lo viviamo con serenità e amore, sviluppando un atteggiamento positivo emetteremo vibrazioni risanatrici nell’ambiente. Questo significa essere Creatori. Vi sono ormai diversi studi e ricerche in cui si dimostra come la meditazione o le terapie olistiche possano essere complementari alla medicina allopatica, proprio agendo su questi aspetti. La fede tanto importante nella religione è un atteggiamento energetico molto potente, è ciò che ci rende Creatori della nostra stessa realtà e vita. 

E’ fondamentale liberarsi dalla paura, sviluppando una consapevolezza differente, che ci rende liberi anche in un mondo di schiavi. La paura è quella emozione che apre la porta alle energie basse, alle energie legate alla distruzione della materia, la paura è morte dell’essere. 

Se siete persone che non hanno ricevuto iniziazioni a pratiche energetiche come il Reiki e, quindi, non in grado di agire direttamente come sopra descritto, non preoccupatevi, ricordate che potete agire sul vostro atteggiamento e sulle vostre forme pensiero, oltre che cercare un operatore che possa accompagnarvi in questo processo. Seppur sia meglio agire contestualmente all’evento, rimane a livello energetico la possibilità di agire anche successivamente all’inoculo in tempi ravvicinati all’evento.

Quanto sopra descritto è valido non solo per la problematica dei vaccini, ma ogni qual volta sia necessario sostenere l’organismo di fronte a cure pesanti e invasive o che si prolunghino nel tempo.

Infine ci tengo a ricordare che, quanto sopra descritto si rivela importante ed efficace nella maggioranza dei casi, pur rimanendo una percentuale di insuccessi. In questi casi entrano in gioco forze superiori, che a livello esoterico e spirituale rientrano nella legge del Karma, su cui non si ha controllo. La vita ha un’intelligenza e una forza che molto spesso rimane incomprensibile all’uomo.

Spero che quanto sopra descritto possa portare un po’ di luce e serenità a quanti si sentono in balia delle onde di un mare in tempesta.

2 commenti:

  1. Barbara Mandolesi

    Buongiorno questo articolo mi ha un po’ rassicurato.
    Sono un’infermiera, sebbene ad oggi sia riuscita ad evitare di sottopormi al vaccino anti-Covid, da qualche giorno sono aumentate le pressioni esterne e a breve reputo che a causa dell’obbligatorietà imposta per la mia categoria, dovrò comunque effettuarlo.
    Ho ricevuto il primo livello Reiki, mi sono sottoposta a diversi autotrattamenti con buoni risultati e ho praticato in modo spontaneo e gratuito.
    Sono convinta che la paura che ha giocato un ruolo fondamentale nel diffondersi del virus-entità, adesso stia prevalendo anche sui “non convinti” e generando malesseri di ogni tipo.
    Avevo già pensato di effettuare pratiche di riallineamento dei Chakra e meditazioni che possano potenziare la mia energia individuale, volevo cortesemente chiedere se potreste darmi altri consigli utili per affrontare questo momento in modo più sereno e consapevole.
    Grazie grazie grazie

    • Buongiorno Barbara, intanto la ringrazio del commento… mi ha fatto notare che questo post, scritto nel 2017 per altri motivi, oggi è tremendamente attuale. Sembrerebbe quasi una profezia! ahahah
      La capisco per la frustrazione e la paura di essere costretta a fare qualcosa che non vuole.
      Approfondendo i miei studi sono anche sempre più consapevole di come un azione che prevarica la nostra volontà possa essere estremamente dannosa per la salute, proprio perchè crea un conflitto interiore importante, una incongruenza o, per dirla in maniera informatica, un crash del sistema che può portare ancor più facilmente ad ammalarsi.
      Oggi siamo totalmente immersi nella paura che, in un certo senso, ci sta possedendo. Paura di morire, paura di stare male che attacca da una parte verso il virus, dall’altra verso il vaccino. Una paura che divide, crea scompiglio ed odio perchè, come ci insegna la natura, quando un animale è terrorizzato attacca per preservare la sua sopravvivenza.
      A mio avviso, il vero lavoro olistico, spirituale etc oggi deve essere volto non alla “verità” presunta (che alimenta sempre più la paura) ma al contenere la paura stessa, che non può essere cancellata o eliminata ma può essere contenuta per evitare danni peggiori. Altro aspetto su cui lavorare è l’integrazione e l’inclusività perché alla fine siamo sulla stessa barca e combattere tra di noi non aiuta.
      Per maggiori consigli e/o suggerimenti la invito a seguirmi su Facebook (Valerio Folloni) dove quotidianamente pubblico post di interesse sul tema che tratto, ovvero: prendermi cura delle persone che si sentono bloccate da un malessere fisico ricorrente e vogliono dire BASTA alla sofferenza, recuperando autonomia e potere anche al di là del loro malessere. Li aiuto attraverso le mie conoscenze sciamaniche ed energetiche, integrate con tutte le altre conoscenze acquisite in più di 20 anni di pratica, studio e dedizione.
      Su fb spesso pubblico anche consigli che potrebbero essere idonei per il discorso vaccini.
      Le chiedo infine scusa per il ritardo nella mia risposta, in quanto questo sito è stato “abbandonato” in favore di uno che mi rispecchia di più http://www.manijatra.it e il profilo fb appunto.
      Cordialmente
      Valerio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.