Parola e Suono, vie di guarigione

“Il ministero della parola e dei suoni in magia è profondo. Le vibrazioni che mettono in movimento l’etere nel mondo della materia sottilissima sono ritmiche  per loro natura. La matematica sublime contiene le chiavi delle serie e dei rapporti tra le vibrazioni generate dalla volontà e la ripercussione dell’atto volitivo dall’etere sul mondo sensibile e visibile. Le parole sono  articolazioni di note musicali emesse dalla bocca, il cui suono viene modulata volontà. Ogni nota rispondendo una sillaba o ad una lettera ha  un valore vibratorio sull’etere. Certi suoni emessi in modo speciale, agiscono potentemente sua psiche umana come la calamita sul ferro. Dunque la parola o il suono ritmico ha un’azione energica e sensibile sulle cose vive. Queste parole potenti sono canti ed emissioni di articolazioni di volontà. Animate o no da idee concrete, queste parole sono tanto più potenti quanto hanno di magnetismo fissatovi dagli operatori e per quanto rispondono con i suoni alle idee che si vogliono risvegliare.”

Kremmerz

Queste parole del Kremmerz illustrano la potenza della parola, ma ancor più in generale del suono, che vengono utilizzati in oriente nei mantra e in occidente nella recita dei Salmi.

Nella medicina olistica grande importanza e forza ricopre e ricoprirà il suono: le sue vibrazioni aprono infinite porte al benessere, basti pensare alle varie forme di musicoterapia, ai massaggi sonori con campane tibetane o di cristallo e altri strumenti primitivi, o ai diapason terapeutici. La nostra voce, poi, è lo strumento musicale per eccellenza, in quanto prodotto attraverso il nostro corpo in maniera naturale. Ogni volta che cantiamo o parliamo stiamo creando vibrazione e suono, all’interno della nostra voce sono racchiusi un infinità di armonici naturali che ci permettono di essere creatori. La manifestazione pura di ciò che chiamiamo Divinità è pura energia, ovvero vibrazione e quindi suono. Non a caso le religioni parlano di Verbo, suono, respiro per indicare l’origine divina del tutto, della creazione. La consapevolezza di questa capacità umana, ricopriva grande importanza negli ambienti spirituali ed esoterici di ogni tempo e luogo, ora tale conoscenza è sempre più accessibile a coloro che la vogliono sperimentare. E’ per questo che attraverso la nostra voce e il nostro intento (manifestato in ciò che esprimiamo) possiamo diventare creatori della nostra bellezza o della nostra disgrazia. Cosa esprimiamo? Quali espressioni, vibrazioni, intenti prendono vita dalla nostra bocca? Quanto siamo consapevoli delle nostre potenzialità? 

 

Torna agli altri articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.